Ires Campania Istituto di Ricerche Economiche e Sociali nasce dalla volontà della Cgil Campania e della Camera del Lavoro Metropolitana di Napoli di sistematizzare e sviluppare le proprie attività di studi e ricerche, affidate a Ires Campania e quelle di formazione, affidate a Smile Campania, facendole confluire in un unico Ente. E’ stato scelto di rendere evidente, già nel nome, la mission affidata a questa struttura confederale: tradurre in opzioni formative le scelte della Cgil e supportarle con un lavoro di ricerca sulla complessa realtà economica e sociale della Campania e del Mezzogiorno tutto.

Ires Campania Istituto di Ricerche Economiche e Sociali è una associazione culturale senza scopo di lucro che svolge, dal 1996, attività di ricerca sui processi di trasformazione dell’economia, del territorio, del lavoro, delle relazioni industriali, dei soggetti sociali e sindacali. Dispone di proprie risorse dedicate alla ricerca e si avvale di collaborazioni e consulenze di Enti, Università, altri Istituti e qualificate professionalità per la realizzazione dei suoi scopi statutari, il che consente di lavorare su tematiche diverse mantenendo un elevato livello qualitativo. Opera, infatti, nel campo della ricerca economica e sociale, fornisce consulenza e collaborazione tecnico-scientifica, svolge attività di orientamento e formazione, promuove il dibattito scientifico, politico-culturale e cura la pubblicazione di volumi, riviste e notiziari.

La struttura è dotata di una Biblioteca, accreditata presso la Regione Campania Assessorato alla Formazione e Istruzione Servizio Biblioteche e Musei, con sala lettura e consultazione Internet.

Ires Campania Formazione & Ricerca, inoltre, ha in corso una Convenzione di tirocinio di formazione e di orientamento per laureandi e neolaureati con l’Università degli Studi di Napoli Federico II, con la Seconda Università degli Studi di Napoli, con l’Università degli Studi di Napoli l’Orientale e con l’ISVE Istituto di Studi per lo Sviluppo Economico e accoglie presso la sua sede laureandi e neolaureati per lo svolgimento di tirocini e stages.

E’ riconosciuta dalla Regione Campania, con decreto dirigenziale n. 734 del 9/05/2001, come Associazione di rilevanza regionale ed iscritta all’Albo Regionale delle Istituzioni.

Ha ottenuto, in data 11/04/2012, la certificazione di qualità ai sensi della norma UNI EN ISO 9001:2008 settore EA:35 – 37 per le sedi di svolgimento delle attività formative.

Dispone di un sistema informatico di lavoro, archiviazione ed elaborazione dati in ambiente Apple. E’ presente su internet con due siti (in fase di riprogettazione): www.irescampania.it e www.novuscampus.it, da cui si rende possibile scaricare la maggior parte delle ricerche, degli interventi e degli articoli pubblicati.

Si segnala, infine, che con l’Istituto Fernando Santi di Napoli Ires Campania Istituto di Ricerche Economiche e Sociali è stato promotore di un ciclo biennale (2007-2009) di seminari “Per la formazione di una cultura europea nel Mezzogiorno”. Hanno aderito all’iniziativa: Istituto Italiano per gli Studi Filosofici; Associazione Elio Pomella; Istituto del Banco di Napoli – Fondazione; Fondazione Di Vagno; Fondazione Bruno Buozzi; Associazione Casa del Popolo Ponticelli; Fondazione Giuseppe Di Vittorio; Fondazione Pietro Nenni; Fondazione Francesco De Martino; Fondazione Giacomo Brodolini; Dipartimento di Filosofia “A. Aliotta” dell’Università degli Studi di Napoli Federico II; Gioventù Federalista Europea; Fondazione Mezzogiorno Europa. L’iniziativa ha ricevuto il patrocinio delle Istituzioni locali e, per il seminario di chiusura del 20 aprile 2009 e l’adesione del Presidente della Repubblica, onorevole Giorgio Napolitano.

Istituto Tecnico Industriale Statale “L. da Vinci”, con sede in Via Foggia, 37 – 80143 – Napoli. Dirigente Scolastico: dott.ssa Annabella Marcello.

Si tratta di un Istituto specializzato in percorsi di studio a carattere tecnico-professionale e dotato di laboratori.

L’offerta formativa   si realizza attraverso corsi antimeridiani, destinati all’istruzione dei minori, e attraverso corsi serali destinati invece a quella di studenti adulti e già inseriti nel mondo del lavoro. Entrambe le offerte formative prevedono un biennio propedeutico ed un triennio di specializzazione.

Le specializzazioni riguardano tre macro-aree.

  1. Chimica, materiali e biotecnologie” articolato in:
  • Chimica dei materiali
  • Biotecnologie sanitarie ad indirizzo sportivo
  • Chimica e biotecnologie ambientali

Nell’articolazione “Chimica e materiali” vengono identificate, acquisite e approfondite, nelle attività di laboratorio, le competenze relative alle metodiche per la preparazione e per la caratterizzazione dei sistemi chimici, all’elaborazione, realizzazione e controllo di progetti chimici e biotecnologici e alla progettazione, gestione e controllo di impianti chimici.

Nell’articolazione “Biotecnologie sanitarie” vengono identificate, acquisite e approfondite le competenze relative alle metodiche per la caratterizzazione dei sistemi biochimici, biologici microbiologici e anatomici e all’uso delle principali tecnologie sanitarie nel campo biomedicale, farmaceutico e alimentare, al fine di identificare i fattori di rischio e causali di patologie e applicare studi epidemiologici, contribuendo alla promozione della salute personale e collettiva.

Nell’articolazione “Biotecnologie ambientali” vengono identificate, acquisite e approfondite le competenze relative al governo e controllo di progetti, processi e attività, nel rispetto

delle normative sulla protezione ambientale e sulla sicurezza degli ambienti di vita e di lavoro, e allo studio delle interazioni fra sistemi energetici e ambiente, specialmente riferite all’impatto ambientale degli impianti e alle relative emissioni inquinanti.

  1. Elettronica ed elettrotecnica” articolato in:
  • Elettrotecnica (progettazione, realizzazione e gestione di impianti elettrici civili e industriali)
  • Automazione (progettazione, realizzazione e gestione di sistemi di controllo)
  • Elettronica (progettazione, realizzazione e gestione di sistemi e circuiti elettronici)
  1. Sistema Moda” articolato in:
  • Tessile, abbigliamento e moda
  • Calzature e moda

L’istituto si caratterizza per una forte identità culturale legata alla ricerca di alto valore formativo; attenzione ai problemi emergenti; ampliamento dell’offerta formativa in relazione anche al mercato del lavoro.

In effetti, l’Istituto Tecnico Industriale Statale “L. da Vinci”, che deve la propria nascita all’istituzione, nel 1905, della “Reale Scuola di Tessitura” (dipendente dal Ministero dell’Agricoltura, industria e Commercio), vanta una lunghissima tradizione, nonché personale docente esperto, e ha, dunque, una notevole esperienza nell’istruzione tecnica superiore.